aprile 2019

La prima soluzione di tracking sportivo dedicata agli addestratori di cavalli da corsa

Paris-Turf

Exalt training é la prima piattaforma di tracking sportivo pensata per gli addestratori di cavalli da corsa. È stata sviluppata da Souffl per il gruppo Paris-Turf. Exalt training é una soluzione innovativa che permette di comprendere ed analizzare in modo obiettivo la performance del cavallo per gestire meglio il suo addestramento. Nata da un’analisi approfondita della fisiologia del cavallo e delle esigenze degli addestratori, Exalt training si compone di un sensore innovativo, fissato sul cavallo, di una piattaforma e di una applicazione destinate agli addestratori. Exalt training é il risultato di una ricerca scientifica approfondita, affiancata da un raffinato lavoro di ingegneria e da un design accurato, portati avanti passo dopo passo da Souffl con le squadre di Paris-Turf. Exalt training é un prodotto davvero innovativo nel mondo dell’addestramento ed é la prima forma di diversificazione del gruppo editoriale Paris-Turf.

Un progetto integrato tra design e scienza

Fine 2015, il gruppo Paris-Turf si lancia in un progetto audace affiancato dal team Souffl: come inventare un nuovo futuro per il proprio business?

Meno di due anni dopo Paris-Turf lancia Exalt training, la prima soluzione di tracking sportivo dedicata agli addestratori di cavalli da corsa. Exalt training nasce dalla capacità di Souffl di ideare e realizzare progetti che integrano sport professionale, design, scienza e tecnologia.

Per concepire Exalt training, Souffl ha fatto leva sulla propria competenza nel design, dall’ideazione dell’oggetto a quella dell’interfaccia e delle interazioni, fino alla creazione dell’identità di marca. Questa visione globale del design di Exalt training proposta da Souffl assicura la coerenza del prodotto finale (oggetto fisico e componenti digitali).

Nel processo di design globale il team si é avvalso di una stretta collaborazione scientifica con i più grandi esperti di fisiologia del cavallo. Ideare un sistema di tracking sportivo per i cavalli da corsa comporta infatti l’esigenza di comprenderne a fondo i meccanismi caratteristici dell’addestramento. È necessario riuscire ad identificare gli indicatori corretti e costruire modelli di performance specifici per ciascun cavallo. Il team di Souffl, già esperto nella costruzione di sistemi di tracking, si é aperto a nuovi campi di conoscenza per proporre una soluzione che si adattasse perfettamente al nuovo universo del cavallo e delle corse ippiche. Infine, Souffl ha sfruttato le proprie competenze di ingegneria per ideare e sviluppare le differenti componenti del prodotto: il sensore, la piattaforma e l’app. Poter trasferire in tempo reale le informazioni registrate dal sensore (fissato sul cavallo) alla piattaforma di analisi (nelle mani dell’addestratore) é stata una sfida. Souffl ha saputo superare tutte le difficoltà di natura tecnologica incontrate, realizzando una soluzione di tracking unica al mondo, grazie alla scomposizione del processo nelle fasi di ideazione, realizzazione di prototipi e testing.

Il Design

/ 03

Design applicato.

Grazie a numerose sessioni di lavoro sul campo, Souffl ha potuto capire in profondità le sfide quotidiane degli addestratori di cavalli da trotto e galoppo.

Il team di Souffl é entrato in stretto contatto con i professionisti e gli appassionati del mondo del cavallo da corsa.
Osservando con attenzione minuziosa i gesti e le routine delle squadre, Souffl ha saputo fare propri la cultura e i valori di questo universo tra natura, sport di alto livello e tradizione. Ogni osservazione, testimonianza ed emozione vissuta é stata integrata nel cuore stesso del design per fare di Exalt training una soluzione che si inserisce naturalmente nelle routine di ogni scuderia, valorizzando emozioni e risultati.

Il Design dell’interfaccia - Semplificare l’informazione.

L’occhio esperto di un addestratore è in grado di valutare una o due informazioni per volta mentre osserva i movimenti della testa, l’andatura e l’aspetto del cavallo. Il sensore di Exalt training è invece capace di registrare e trattare in un solo attimo migliaia di dati.

Tuttavia, il valore aggiunto di Exalt training non sta solo nella numerosità dei dati trattati, ma risiede soprattutto nel potere informativo degli indicatori che offre. Exalt training è il primo strumento disponibile sul mercato che consente all’addestratore ed alla sua squadra di valutare precisamente e in tempo reale la gamma degli sforzi, la velocità, il ritmo cardiaco, la frequenza del passo. Questi dati permettono di analizzare in modo obiettivo la performance di un cavallo e offrono agli addestratori nuove chiavi di lettura.

Per poter sfruttare al massimo il potenziale informativo di ogni indicatore, Souffl ha ideato un’interfaccia che restituisce all’addestratore un’informativa semplice, contestuale, perfettamente leggibile, in qualsiasi fase di lavoro ed in qualsiasi ambiente.  Un aspetto critico del design dell’interfaccia é stato semplificare l’informazione, restituendo solo gli indicatori essenziali per ogni fase dell’addestramento, rendendoli perfettamente leggibili in pieno sole come all’alba. Ogni informazione é accompagnata da simboli e da feed-back sonori o visivi. Souffl ha anche dotato il dispositivo di accurati strumenti di analisi. Le interfacce di Exalt training offrono all’addestratore la possibilità di manipolare i dati, simulare un programma di addestramento o realizzare proiezioni delle performance del cavallo.

App Exalt training

Attrezzatura

30 secondi devono bastare per vestire il cavallo.
Frédéric Rossi - addestratore di cavalli.

Il design dell’oggetto.

30 secondi, questo il tempo necessario ad un fantino esperto per vestire e svestire il cavallo. I gesti sono precisi e automatici.

Il sensore e la sua custodia dovevano essere concepiti in modo da integrarsi nella routine giornaliera. Exalt training doveva adattarsi al cavallo, dando agli utilizzatori un senso di solidità e modernità.

È facile capire quale sia stata la complessità del lavoro di design e dell’ergonomia, se si  considerano i vincoli di partenza: funzionamento in situazioni di utilizzo estreme (vibrazione, sfregamento, velocità, sudore, condizioni meteo), comodità ed adattabilità alla morfologia del cavallo, integrazione di tutti i vincoli collegati alle tecnologie, visibilità con qualunque luce, facilità di utilizzo (senza bisogno di un manuale)…

Souffl ha riunito numerosi esperti, ingegneri, designer di oggetti, specialisti di tessuti e di materiali nel corso di un processo iterativo di design e testing. E così, il design ha portato a realizzare un sensore con custodia leggero e facile da installare sotto la sella del fantino, capace di contenere tutta la tecnologia sviluppata da Souffl, rimanendo fedeli all’identità della marca Exalt training. Scommessa vinta!

Exalt training - design oggetto del sensore e della custodia.

L’identità di marca.

Con Exalt training il gruppo Paris-Turf ha l’ambizione di creare una marca forte, i cui valori potranno essere diffusi in futuro da un’ampia varietà di prodotti e servizi.

Per ideare un’identità di marca unica, Souffl ha interpretato attraverso la marca i valori condivisi dai professionisti e dagli appassionati di equitazione e di ippica. La marca Exalt training sintetizza in modo moderno numerosi valori-chiave:

– il senso della competizione, con l’adrenalina, la fierezza ma anche l’eventuale frustrazione.
– l’amore per la natura e gli animali.
– la gestualità ripetuta sempre uguale, le trasmissione orale delle conoscenze sull’addestramento dei cavalli.
– infine il rigore, visibile nel senso della gerarchia e  nell’organizzazione della vita di squadra nelle scuderie.

L’identità di Exalt é garantita da un design coerente a tutti i livelli: gli stessi codici caratterizzano il design degli elementi fisici (sensore e custodia) dell’interfaccia, della piattaforma e della app.

Identità Exalt training

La scienza

/ 03

Fin dalle sue origini il cavallo corre per sfuggire ai predatori.

Per questa ragione il cavallo non conosce i propri limiti e non sa fermarsi. Un cavallo può impegnarsi fino allo stremo e morire di sfinimento. Gli addestratori che conoscono bene questo fenomeno temono la “rottura del cavallo”. Questa è la ragione fondamentale per cui Exalt training costituisce una vera innovazione: per la prima volta l’addestratore ha accesso ad indicatori obiettivi ed è in grado di conoscere per ciascun cavallo il suo limite. Grazie ai progetti realizzati precedentemente, Souffl ha potuto mettere a frutto la propria esperienza in materia di sistemi di tracking. Ideando soluzioni per misurare la performance degli atleti, o l’esperienza di coerenza cardiaca in bio-feedback (vedi il caso O’Zen di Ubisoft), Souffl ha saputo cogliere la centralità di alcuni indicatori di base. Era arrivato il momento di  capire fino a quanto l’esperienza accumulata potesse supportare il team di Souffl in questa nuova sfida.

La respirazione.

L’apparato respiratorio del cavallo è molto diverso da quello dell’uomo.

Il ritmo respiratorio del cavallo è sincronizzato con il suo passo e svolge due funzioni principali: oltre ad assicurare l’apporto di ossigeno, favorisce la regolazione termica dell’animale. Perciò, un indicatore comunemente utilizzato per gli sportivi come il volume di ossigeno massimo (VO2 Max), non può essere usato per il cavallo. Ciononostante, l’addestramento degli sportivi professionisti ha rappresentato una fonte di ispirazione per il progetto Exalt training, e l’incontro con l’allenatore dei più grandi velocisti francesi ha permesso di capire quanto l’accesso a dati oggettivi abbia contribuito a far evolvere le pratiche di allenamento nel corso degli ultimi venti anni. Il team di Souffl ha inoltre acquisito conoscenze specifiche di veterinaria e di fisiologia del cavallo, studiando le pubblicazioni realizzate dai grandi centri specializzati francesi, e dai principali poli di ricerca americani, inglesi e svedesi. Questo lavoro di ricerca ha permesso di individuare gli indicatori adeguati. Nella fase successiva se ne é validato il modello di calcolo, e, laddove mancante, se ne é sviluppato uno ad hoc e se ne é testata la fattibilità tecnica. Al successo del progetto ha contribuito in maniera determinante la capacità di comprensione e di ideazione scientifica del team di Souffl.

L’ingegneria.

/ 03

L’ideazione e lo sviluppo dei diversi elementi che sostengono il servizio Exalt training (sensore, piattaforma e applicazione) hanno richiesto esperienza, competenze tecniche e assunzione di qualche rischio.

L’elemento più complesso da sviluppare è stato senza dubbio il sensore. Exalt training è un apparecchio composto da una pluralità di tecnologie che devono funzionare insieme, nel rispetto dei limiti imposti dal design del sensore.

Con riguardo alla piattaforma, il problema principale è stato quello di poter trattare grandi volumi di dati in un contesto di connessioni instabili, per poter fornire informazioni affidabili in tempo reale.

Infine, per la realizzazione dell’app, il team di Souffl si é appoggiato a tecnologie capaci di creare interfacce complesse, facili da utilizzare, indipendentemente dall’apparecchio o dal sistema adoperati.

L’ideazione del sensore

Il sensore Exalt training é composto da una serie di tecnologie che consentono la registrazione, l’elaborazione e la comunicazione in tempo reale di tutti i dati di movimento, frequenza cardiaca e posizione del cavallo.

In particolare, è stato difficile integrare la tecnologia RFID nel sensore, in quanto essa é facilmente disturbata dalla presenza di altre componenti elettroniche. Altrettanto complesso è stato selezionare e fare coabitare nel supporto concepito un gran numero di componenti elettronici, senza alterarne le originali caratteristiche ergonomiche (curvatura, resistenza agli urti, tenuta stagna, dimensioni e peso).

Lo sviluppo di una tecnologia segue gli stessi passaggi del processo di design: ideazione, prototipo, test e validazione. Questo approccio sperimentale all’innovazione permette di eliminare la maggioranza dei rischi connessi alla realizzazione di una soluzione tecnologica complessa. Inoltre, consente anche di coltivare e rinforzare il design, grazie alla stretta collaborazione tra ingegnere e designer.