gennaio 2018

Trasformare un progetto interno in una start-up

Cliente: Ubisoft

Da 4 anni e più un team di designer e sviluppatori geniali di Ubisoft e Neotrope sono al lavoro con scienziati esperti per inventare un programma che coniughi salute e videogiochi. Il loro obiettivo è diffondere la pratica della coerenza cardiaca tramite un gioco elettronico e una tecnologia accessibile a tutti.
Il concetto di O.Zen sembra un alieno. È difficile posizionare un prodotto del genere su mercati nascenti e dai contorni ancora indefiniti (app per la salute e “wearable technologies”).

Tale è la novità che le stesse squadre di Ubisoft fanno fatica a stimare il potenziale del progetto utilizzando gli indicatori tradizionali.
Che tipo di offerta?
Che mercato?
Quali utilizzatori?
Quale modello economico?

Souffl e Ubisoft concordano sull’opportunità di prendere il progetto, portarlo fuori dai processi aziendali e gestirlo come una start-up. Souffl guiderà questa avventura imprenditoriale per 18 mesi, in modo da validarne il potenziale con la prospettiva di reinserire poi il progetto nell’organizzazione di Ubisoft.

Un concept « alieno »

/ 03

Sperimentazione

D’accordo con Ubisoft, Souffl comincia rapidamente a condurre i primi test sul prodotto già esistente.

Le risorse sono limitate e la scelta si orienta su una strategia B2B2C.

 

Negli USA è entrato in vigore da qualche mese l’“Obama care” (una riforma del sistema sanitario che, tra le altre cose, incita le imprese a farsi carico della salute dei propri dipendenti). Formuliamo un’ipotesi di business che le grandi imprese americane saranno interessate ad investire in un programma on line di benessere che abbia un impatto positivo sui loro dipendenti e sul loro livello di stress.

Ricerca sul campo

Testare il prodotto negli USA e, in particolare, nella Silicon Valley consente di raggiungere più facilmente gli « early adopters », e fare comparazioni più precise. Un manager di Ubisoft San Francisco lavora con la squadra di Souffl e batte la Silicon Valley. Le riunioni con le società sono positivi, raccogliamo feed-back di qualità e i primi dati di analisi sull’esperienza di gioco che otteniamo sono promettenti.
O.zen piace, gli utilizzatori ne apprezzano l’esperienza e i benefici.
Questa sperimentazione ci porta tuttavia a rivedere la nostra ipotesi di partenza. La maggioranza dei dipendenti intervistati non vuole scaricare un nuovo programma su PC o su Mac. Viceversa smartphone e tablet paiono essere le piattaforme migliori per l’utilizzo della app.

Il modello di business non è “generalizzabile” e troppo atipico per Ubisoft. Le società clienti richiedono gradi di personalizzazione eccessivamente elevati per questo prodotto. In numerosi casi, le imprese auspicano il benestare della FDA (Food and Drug Administration, l’ente governativo USA che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e dei medicamenti). Ottenere questo benestare è possibile, ma si tratta di un processo molto lungo. Souffl, in accordo con il team Ubisoft degli sviluppatori di O.zen e con il benestare della sua direzione, ha deciso di sviluppare una versione per smartphone e tablet.

La pietra angolare

/ 03

Souffl formula una nuova ipotesi di modello economico.

Partiamo da un modello di vendita diretta on line e una strategia di acquisizione di early adopters, sul modello delle numerose start-up che si stanno diffondendo nel mondo degli oggetti connessi. Il team Ubisoft si rimette al lavoro e, con grande cura, adatta i contenuti alle piattaforme mobili. In team con Ubisoft, ci siamo concentrati sul sensore ed il suo aspetto.

Abbiamo usato lo sprint design per rivederne l’uso, l’idea sottostante e l’aspetto. In sole due settimane abbiamo realizzato cinque prototipi che sono stati testati con gli utilizzatori finali. Parallelamente a questo lavoro sul prodotto, Souffl si è concentrata sull’offerta, sui consumatori target e su un piano completo di lancio, con la Francia come primo mercato obiettivo.

Confermare il potenziale

Come primo target é stato scelto un gruppo di utilizzatori potenziali: le giovani donne cittadine con forte potere di influenza nel proprio ambito. Il team è convinto che O.zen possa catturare la loro attenzione per il suo lato “fun” e le possa aiutare a gestire lo stress quotidiano. Allo stesso tempo, grazie al supporto della squadra editoriale di Ubisoft, abbiamo esteso i contatti ai vari costruttori di hardware, nell’intento di verificare quale futura piattaforma avrebbe potuto supportare O.zen.

È un momento caldo per il mercato delle wearable technologies. I primi dispositivi elettronici da polso generano interesse ma non riescono a indurre un utilizzo ricorrente. I produttori, Google, Samsung, Apple sono alla ricerca di app e contenuti che possano rispondere a esigenze reali con effetti positivi sulla vita delle persone. Nel mese di luglio prendiamo appuntamento con i più importanti produttori di tutto il mondo. Un membro dell’equipe editoriale di Ubisoft viene distaccato per dedicarsi a tempo pieno a questa attività.

Con il suo aiuto prepariamo in sole tre settimane il materiale necessario per la presentazione, il sito web, le slide, e i video. Gli incontri che si susseguono si dimostrano un successo e la direzione di Ubisoft tocca con mano l’entusiasmo suscitato da O.zen.

Validazione del progetto

Validare il progetto e suo reinserimento nell’organizzazione di partenza.

/ 03

Reinserire il progetto

I dispositivi elettronici legati alla salute hanno fatto la loro apparizione su Amazon, ma anche su altri distributori, a conferma di un segmento di mercato che si sta sviluppando.

Si tratta ora di validare O.zen presso i canali di distribuzione tradizionali e di stimarne il potenziale di vendita.

Basandoci su di un modello di prodotto classico, si è definita una strategia nuova. Con il team business di Ubisoft abbiamo incontrato i  principali player della distribuzione per presentare loro il concept, l’offerta e il piano di marketing. Ogni incontro ci ha permesso di ottenere un riscontro preciso sul prodotto e di validare gli elementi del marketing mix. È giunto il momento di reinserire O.zen nei canali abituali. O.zen sarà lanciato ufficialmente nell’ottobre 2015.